Tipi di pizzetto : I migliori stili per il tuo pizzetto da Re

Da un po’ di tempo a questa parte è tornato di moda, ma effettivamente è un look intramontabile, un evergreen per gli amanti della barba. Il pizzetto è un tipo di look di cui si sente spesso parlare e che ha distinto attori, cantanti e personaggi famosi. I tipi di pizzetto sono davvero tantissimi, di tutte le forme, gli stili e i colori.

Il motivo del successo però, va sicuramente ricercato nello stile migliore che si abbina meglio ai lineamenti del tuo volto. Il pizzetto dunque è soggettivo, per ottenere un effetto estetico gradevole, c’è bisogno di studiare la fisionomia del viso.

Sfatiamo un po’ di luoghi comuni sui tipi di pizzetto

Appare molto semplice e sono tutti bravi (o almeno sembrano) a riconoscere un tipo di pizzetto, solo in pochi sono in grado di descriverlo senza toccare il mento,solo attraverso lo sguardo. Ad esempio il pizzetto è molto simile al ciuffo che una capra ha sul mento, molto spesso si sente apostrofare chi porta il pizzetto con il termine capretta.

Certo è un modo di descrivere, ma non di certo dei più appropriati o tecnici. La tipologia di pizzetto più comune è quella a punta, ma non è l’unico stile e ce ne sono anche altri.

Se all’apparenza il pizzetto sembra essere un semplice ciuffo isolato di barba, ordinato o relativamente incolto posizionato sul mento, il lavoro di rifinitura è tutt’altro che casuale ma estremamente dettagliato.

Gli uomini più esigenti si prendono anche cura nel radere la zona delle guance, giocare con le forme per creare una linea diretta che collega il baffo al mento, in questo modo il pizzetto circonda il volto dal mento alla bocca, fino al naso.

Come creare i migliori stili per il tuo pizzetto?

È molto importante, prima di farti il pizzetto, capire se questo è un tipo di look che fa per te.

Analizzando il tuo volto potrai capire quali sono i fattori che determinano lo stile che più si adatta al tuo volto. La forma del mento, la tipologia di viso e il suo colorito, sono elementi molto importanti.

Anche il colore e la carnagione sono fondamentali per scolpire il tuo look. Infatti il pizzetto è in grado di farti cambiar del tutto l’aspetto del viso, sembrerai più severo se hai i peli del viso scuri e la carnagione chiara, si noterà di meno se hai la carnagione molto simile ai peli del viso.

Prima di farsi il pizzetto bisogna però lasciare che la barba cresca, ma tranquillo basteranno poche settimane. Quando avrà raggiunto una forma visibile, puoi iniziare delineare lo stile di pizzetto che puoi avere.

Molto importante in questa fase è prendersi cura della barba. Se far crescere il pizzetto non è poi tanto difficile, per mantenere la sua forma è necessario curarlo costantemente e ridefinirlo.

Ad esempio se desideri uno stile di pizzetto che sia unito ai baffi, il consiglio è quello di utilizzare l’angolatura laterale del baffo come linea guida lungo la bocca fino al mento. Oppure se vuoi sentirti più libero, puoi eliminare i baffi e scegliere lo stile e la linea che più preferisci.

Come prendersi cura e definire il tuo pizzetto?

Tipi di pizzetto : I migliori stili per il tuo pizzetto
Prendersi cura e definire il pizzetto è fondamentale per un risultato perfetto e preciso al millimetro

Il consiglio di Liza Corsillo (autrice di GQ) agli uomini che hanno una barba molto corta, è quello radere la zona delle basette 1 cm circa dai due angoli della bocca, proseguendo poi per tutta la linea fino al mento.

Se vuoi evitare uno stile estremo, un look estetico di cattivo gusto, il suggerimento è quello raderti con un regolabarba variando l’impostazione della lunghezza, impostandola su minima per non radere la barba in maniera completa.

In questo modo la lunghezza della barba non è eccessiva e il contrasto fra pelle e pizzetto è meno marcato, di conseguenza puoi giocare di più con la regolazione della lunghezza e il taglio che hai deciso di dare al tuo pizzetto.

Qua sotto trovi i tre bestseller su Amazon per la categoria dei regolabarba:

[amazon bestseller=”Regolabarba Uomo” items=”3″]

È molto importante riuscire a vedere il lavoro che fai nel momento in cui ti radi, in questo modo riuscirai ad ottenere un taglio più preciso e a controllare costantemente ciò che stai facendo.

Segui la linea di definizione come l’orizzonte da tenere sempre sotto controllo, onde evitare di sbagliare. Evita dunque di raderti lavorando con il rasoio verso il pizzetto, ossia in direzione interna, in quanto il rasoio stesso ti oscurerà la visuale e perderai precisione, e non solo.

In questa zona del volto la pelle risulta essere scivolosa perché morbida e il rasoio potrebbe spostarsi accidentalmente e radere una parte più grande di quella che avevi in mente. Il consiglio è quello di posizionare il rasoio correttamente nella linea di definizione facendo molta attenzione.

Ricordati di radere spostandolo in sempre in direzione esterna e opposta al pizzetto, in modo da lasciare un’ampia visuale e capire uale punto stai tagliando, regolando bene la rifinitura.

Definire il pizzetto è sempre collegato strettamente all’utilizzo del rasoio adatto. Scegliere rasoi che consentono un taglio preciso, affidandosi ai brand con più esperienza nel settore è sicuramente un ottimo modo per avere successo nel tagliare e rifinire il pizzetto.

Usa solo rasoi che hanno varie regolazioni e che ti permettano di scolpire al meglio la forma del tuo pizzetto: regolare, rifinire e radere, richiedono caratteristiche specifiche come per esempio anche la direzione di taglio.

Se sei insicuro sulla lunghezza, puoi fare delle prove di taglio sulle parti di barba che vuoi eliminare, in questo modo ti renderai conto in maniera pratica e riuscirai ad agire meglio sul taglio.

Altre operazioni essenziali che riguardano la cura del pizzetto sono lavarlo regolarmente con shampoo e balsamo, seguire uno stile di vita generalmente regolare, che includa una dieta salutare, attività fisica costante e un sonno regolare e di buona qualità.

Tutte queste misure ti aiuteranno a mantenere i peli del pizzetto di bell’aspetto, folti e robusti.

Qui uno dei migliori balsami per la barba, veramente il top!

[amazon box=”B073QQD1PY” title=”Balsamo per la Barba”]

Qual è lo stile di pizzetto più adatto da scegliere?

Come abbiamo già visto, lo stile del pizzetto dipende fortemente dalla struttura e dalla forma del volto. Un uomo con un volto dalla forma vagamente triangolare e un mento poco pronunciato potrebbe sottolineare quest’ultimo con un pizzetto in stile Van Dyke, ossia spezzato, dove i baffi non seguono la linea fino al mento.

Per un uomo dal volto rotondo è preferibile invece combinare il pizzetto con la barba, dunque seguire la linea sul mento, magari fare a meno dei baffi. Per chi ha la mascella squadrata, la combinazione di stile più adatta è pizzetto e baffo corto.

Se invece la forma del viso è ovale lo stile più adatto è pizzetto e barba folti: look professionale garantito.

Il pizzetto lungo e il pizzetto a punta

Fra i vari stili di taglio del pizzetto che si possono fare sul mento, il pizzetto a punta è con tutta sicurezza lo stile più comune.

Per realizzare questa tipologia ti occorre soltanto una forbicina a lama convessa, un rasoio elettrico e un pettine, il migliore è quello a denti stretti.

Comincia inumidendo la barba, ma non bagnarla troppo, prendi il ciuffo con due dita e accorciala facendo attenzione che sia pari ed omogenea, fino alla lunghezza che desideri.

Una volta stabilita la lunghezza, puoi iniziare a lavorare sul pizzetto aiutandoti con il pettine. Inizia a definire la forma agli angoli della bocca, in questo step puoi utilizzare il rasoio elettrico.

L’ultimo step ti consente di regolare i baffi. Fai fuoriuscire dal pettine i peli che intendi tagliare e livella la lunghezza rendendoli in maniera omogenea. In questo modo otterrai un pizzetto a punta, non troppo invadente e dallo stile mefistofelico, adatto ad un look rock & roll.

Il pizzetto lungo invece è uno stile molto in voga dagli amanti del metal, più invadente del pizzetto a punta per quanto riguarda la forma e la sostanza. Questo stile di pizzetto ha vissuto il suo momento di massima gloria negli anni ’90, in cui era un vero status symbol, specialmente se portato senza baffi. Oggi questo tipo di pizzetto è molto di nicchia, utilizzato in particolari contesti musicali e culturali.

6 tipi di pizzetto adatti ad ogni uomo

Il pizzetto non passa mai di moda e per rifinirlo al meglio è importante seguire solo queste poche semplici regole e scegliere la forma e lo stile più adatto al tuo volto.

 

Tipi di pizzetto : I migliori stili per il tuo pizzetto
Il classico pizzetto da Hipster

Lo stile di pizzetto hipster, una tipologia che ricorda molto le mode rinascimentali, richiama con nostalgia a un passato molto distante, proiettandosi al futuro con una folta chioma. Per rifinire questo stile di pizzetto occorre un po’ più di tempo ma i risultati sono davvero soddisfacenti.

 

Puoi rifinire un pizzetto più corto anche nel giro di 7 – 10 giorni, dunque avere un taglio leggero e poco invadente, invece uno stile di pizzetto più lungo costituisce un look alla portata di chiunque abbia una personalità spiccata, solida e forte e non ha paura di nasconderla, come lo stile di Robert Downey Jr.

È molto importante però, fare attenzione ad alcune semplici regole, come per esempio definire bene e con molta cura i contorni (vedi Brad Pitt).

Con la barba è molto più semplice rifinirla, puoi sbizzarrirti in vari modi, anche lasciandola incolta, con il pizzetto il gioco cambia e subentra in campo la precisione e il controllo fino all’ultimo pelo.

Paradossalmente, se il pizzetto è di piccole dimensioni e corto, maggiore sarà il lavoro di definizione e rifinitura. Se per esempio hai optato per un look alla Riccardo Scamarcio, allora le proporzioni fra pizzetto e baffi devono essere armoniche, anche se hai deciso di non avere i peli di uguale lunghezza.

Come scegliere la forma del pizzetto?

Se hai un un volto tondeggiante come James Franco o Leonardo di Caprio è opportuno scegliere uno stile di pizzetto sottile, molto raso, in quanto produce un effetto estetico snellente.

Con un volto lungo, sottile o magro, con il mento a punta, lo stile di pizzetto consigliato è ampio e molto corto, un esempio concreto è lo stile di Raz Degan. In base al volume della crescita puoi aggiungere la cosiddetta “mosca”, ossia un piccolo ciuffo di peli che cresce al centro sotto il labbro inferiore.

Basta radere le zone a sinistra e a destra fra la bocca e il mento e il gioco è fatto, un esempio preciso è Colin Farrell.

Il pizzetto può essere unito al baffo o rimanere completamente distaccato, questo è lo stile da agente segreto di Pedro Pascal, meglio conosciuto come l’agente Pena di Narcos.

Ad ogni modo mette in risalto il centro del volto, sia se scegli lo stile classico a punta o quello a pizzetto lungo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *